Pietre di una esposizione

per Pianoforte
2022/23

Il titolo di questa suite da il titolo all’intero progetto, ma con esiti diversissimi. Il richiamo all’origine è stato lo spunto per la scrittura di quattro composizioni che rappresentano i quattro elementi naturali – Terra, Acqua, Aria, Fuoco – alla base della cosmogonia.

Due dei pezzi che compongono Pietre di una Esposizione sono nati dalla ripetizione gestuale di Sciola mentre suona le sue opere.

In Acqua viene riproposta l’azione stessa dell’accarezzamento – dall’alto verso il basso – della superficie delle cosiddette Tastiere (opere in calcare del periodo 2012-2014) riportata qui nella cordiera del pianoforte – zona medio/ acuta – con l’ausilio di un brandello di camera d’aria di bicicletta, che permette la sollecitazione delle corde per sfregamento, con il risultato di avere una vasta gamma di armonici in linea con i suoni ottenuti dalle sculture in calcare.

In Fuoco viene ricreato lo stesso principio ma sul registro basso e imitando la gestualità di Sciola e l’utilizzo di un plettro di pietra con i Monoliti in basalto, attraverso lo sfregamento delle corde con un semplice bicchiere da cucinai vetro.

Terra è un richiamo al legame privilegiato che Sciola aveva con la sua terra d’origine e la sua comunità – esemplificato dalla produzione delle Terrecotte – ma anche un rimando al profondo senso di attaccamento che aveva con l’essenza della superficie stessa su cui amava camminare scalzo.

Aria omaggia le ultime sue sperimentazioni sul granito sapientemente lavorato che rivela grazie alla luce radente dettagli invisibili. Esiste una versione b dello stesso lavoro per pianoforte, live electronics e video installazione in collaborazione con il compositore acusmatico Paolo Pastorino (Sassari,1983).

0:00
0:00